Nell’ascolto profondo di ciò che mi attraversa, il corpo risponde.
    Risponde l’anima ed i movimenti della psiche rispondono.
    Propongono azioni e gestualità attraverso cui ‘toccare’ ed ‘essere toccati’ da ciò che di autentico fluisce nella relazione, fra me e te, fra me e l’animato, fra l’animato e l’inanimato.
    Scendere profondamente nella vibrazione del corpo e dell’anima fino a rendersi disponibili alla connessione con me con te con ciò che è, oltre me e te.
    Rendersi disponibili all’amore semplice, donarsi all’attimo di amore semplice.

     
    E' POSSIBILE PRENOTARE UNA SEDUTA DI
    COUNSELLING INDIVIDUALE E PER COPPIA SULLA RELAZIONE E LA SESSUALITA' NEI GIORNI INFRASETTIMANALI, SCRIVENDO A info@acuoreaperto.com O CHIAMANDO IL 3356226811 DALLE ORE 10 ALLE ORE 18.
    PER MAGGIOR
    I INFORMAZIONI CLICCA 
    QUI, COUNSELLING IN
    DIVIDUALE O PER COPPIA

    ATTENZIONE!!
    E' ONLINE IL NUOVO CALENDARIO CORSI E SEMINARI DALL'AGOSTO DEL 2017 AL NOVEMBRE DEL 2018!! per consultarlo clicca qui:  CALENDARIO

    IN
    QUESTA PAGINA:
     INFORMAZIONI SUI PROSSIMI CORSI, APERTI SIA A CHI DESIDERA FARE PRATICHE PER LA PROPRIA VITA PERSONALE, SIA A CHI E' NELLA FORMAZIONE IN COUNSELLING

     

    Event Details

    Reservations Until:05/07/2017 18:00
    Starts on:07/07/2017 20:00
    Ends on:09/07/2017 17:00
    Location:SESTO FIORENTINO

    Description

    PESO LORDO, Laboratorio di teatro Tantrico

    7-9 LUGLIO 2017 SESTO FIORENTINO

    un laboratorio di Luca Camilletti sulla presenza scenica (e già queste due parole insieme sono una contraddizione, necessaria)

    UNA RARA OCCASIONE PER SPERIMENTARE CIO' CHE IN TE PUò CRATIVAMENTE COLLEGARSI ALL' AUTENTICITA' LA BELLEZZA LA DISPONIBILITA' E LA LEGGEREZZA, ANCHE NEL MOMENTO DI BUIA DIFFICOLTA' 

    Se l’atto teatrale vive grazie ad un’idea, allo sviluppo di un’idea, allora è quell’intuizione che viene incoraggiata e sviluppata, privilegiando un rapporto sensibile alla generosità di nutrire e fermentare un proprio immaginario che si connetta con le proposte e le indagini guidate . Non per imparare ad essere degli attori ma piuttosto per smettere di esserlo (altra contraddizione, necessaria).

     La scena è un artificio e un luogo di visioni oltre che uno spazio di ricerca per un salto nel buio e nel vuoto, da dove far emergere altra bellezza. Nei giorni in cui ci sentiamo ottimisti lo chiamiamo entusiasmo, nei giorni in cui l’ottimismo non esiste lo chiamiamo sfinimento. Sono cose che succedono ai vivi.

         L’occupazione principale dell’umanità in certe condizioni consiste nell’ordire traiettorie, elaborare progetti, seguire un filo, inventare connessioni, utilizzare codici, avere un’opinione, fare dei piani. L’incidente è incluso perché si manifesta improvvisamente, senza preavviso, fuori coscienza: una rivoluzione, di necessità virtù. L’incidente non ha bisogno di essere accettato, accade da sé.

         Nell’evoluzione contemporanea della figura dell’artista di scena, il percorso di studio attoriale si muove attraverso una serie di elementi incogniti e individuali che costituiscono il valore della presenza umana. Senza ormai più il conforto di una tecnica al servizio della bellezza interpretativa, l’esperienza in scena si conferma come il momento in cui la persona è quello che è, ma soprattutto è ciò che si trova a fare. Si tratta di collocarsi dentro allo sviluppo di un’idea e privilegiare un proprio rapporto sensibile con le proposte guidate.

         Lo scenario d’indagine non riguarda il dramma né la tragedia né la catastrofe ma la comparsa della qualità di una cosa alterata da un malfunzionamento, cioè un attore che fa della presenza in scena il proprio campo di ricerca sensibile, l’estensione della propria scatola nera, la decostruzione della conoscenza per scomodare altre genesi. Le tecniche, le arti, la vita, i metodi e i modi sono quelli che abbiamo, non quelli che avremo.

         Bisogna imparare a non distinguere il visibile dall’invisibile.


    CONDUTTORE: LUCA CAMILLETTI presenza nel campo delle arti sceniche, con estensione alla musica, alla fotografia e alle lingue, sviluppa percorsi di ricerca che coinvolgono una visione eterogenea e uno sguardo analitico nei progetti di creazione.
    -Autore dei propri spettacoli ( Idioteca, Autoservice, il potere del sangue dell’eroe per esempio Giacomo Matteotti, Oratoria dinamica per Girolamo Savonarola),

    -Curatore di progetti ( Dentro!, FAF Florence Art Factory)
    -Attore in opere di Rodrigo Garcia, Zapruder Filmakersgroup, Jerome Bel e docente di percorsi formativi sulla scena.

    -Dal 1995 al 2007 è stato membro fondatore del gruppo Kinkaleri del quale firma collettivamente le opere prodotte in quegli anni

    20 ore di formazione


    REQUISITI PER ACCEDERE

     Seminario aperto a tutti, non sono richieste precedenti esperienze.

    A TUTTI I TEATRANTI NON CONVENZIONALI, A TUTTI GLI ANIMI ARTISTICI E MEDITATIVI, A TUTTI COLORO CHE TENDONO A VIVERE NELLO STUPORE DEL BIMBO E NELLA COSCIENZA DELL'ADULTO INSIEME. A CHI SI SENTE ATTRATTO DALL' AMORE COME DISPONIBILITA' ALL'ATTIMO.
    a chi interessa il teatro come spazio di vita che offre la possibilità di uscire dalle prigioni dell'io, mettersi dunque nei panni di altro, degli altri. e scoprire che la vita è ciò che nel momento accade nella relazione fra me te e gli altri.

    Per maggiori Informazioni clicca qui: Formazione in Counselling sulla sessualità e la relazione affettiva